La Città

Una città dal cuore antico

Pistoia è una cit­tà d’arte che con­ser­va an­co­ra og­gi in­can­te­vo­li trac­ce dei pro­pri tra­scor­si me­dioe­va­li. Posta ai pie­di dell’Appennino, a nord di Firenze, cu­sto­di­sce al suo in­ter­no in­nu­me­re­vo­li pa­laz­zi sto­ri­ci, chie­se e ope­re d’arte di ra­ra bel­lez­za. Da sem­pre al di fuo­ri dei cir­cui­ti bat­tu­ti dal tu­ri­smo di mas­sa, vi con­qui­ste­rà gra­zie ai suoi scor­ci ina­spet­ta­ti e ai suoi rit­mi quo­ti­dia­ni, an­co­ra pia­ce­vol­men­te a mi­su­ra d’uomo. Passeggiare per­den­do­si nei vi­co­li del suo cen­tro sto­ri­co può es­se­re fon­te di in­nu­me­re­vo­li sor­pre­se per il vi­si­ta­to­re che ab­bia vo­glia di sco­pri­re bot­te­ghe ar­ti­gia­na­li, pro­dot­ti ti­pi­ci, sto­rie e per­so­nag­gi del­la vi­ta lo­ca­le.

La cit­tà si è svi­lup­pa­ta at­tor­no a piaz­za del Duomo, do­ve si in­se­dia­ro­no i ro­ma­ni at­tor­no al II se­co­lo a. C. e la qua­le suc­ces­si­va­men­te di­ven­ne il ful­cro del­la vi­ta po­li­ti­ca, re­li­gio­sa e so­cia­le. Ricca di mo­nu­men­ti e te­sti­mo­nian­ze ar­ti­sti­che di al­tis­si­mo va­lo­re, la piaz­za è un ve­ro gio­iel­lo ar­chi­tet­to­ni­co, tan­to da es­se­re ri­te­nu­ta una del­le più bel­le d’Italia. Ma la vi­ta cul­tu­ra­le di Pistoia non è le­ga­ta so­lo al pas­sa­to re­mo­to: qui han­no vis­su­to e la­vo­ra­to al­cu­ni dei pro­ta­go­ni­sti del se­co­lo scor­so, co­me l’architetto Giovanni Michelucci e ar­ti­sti qua­li Marino Marini o Ferdinando Melani, del­le cui ope­re è dis­se­mi­na­ta l’intera pro­vin­cia.

Pistoia la silenziosa

Un vec­chio luo­go co­mu­ne di­pin­ge­va la cit­tà co­me schi­va e au­ste­ra, ma og­gi ta­le de­scri­zio­ne non cor­ri­spon­de più al­la real­tà. Il cuo­re pul­san­te del­la vi­ta lo­ca­le è piaz­za del­la Sala, di gior­no se­de di ne­go­zi e ban­ca­rel­le, di se­ra pun­to di ri­tro­vo per cit­ta­di­ni di tut­te le età, che ama­no re­sta­re se­du­ti a lun­go pres­so i ta­vo­li dei tan­ti lo­ca­li e caf­fè aper­ti fi­no a not­te inol­tra­ta. Ma il cen­tro sto­ri­co e i suoi din­tor­ni so­no dis­se­mi­na­ti di ri­sto­ran­ti e oste­rie ca­pa­ci di sod­di­sfa­re ogni esi­gen­za.