Vauro

Disegnatore e autore satirico, giornalista e scrittore. Collabora stabilmente con Il Fatto Quotidiano e la trasmissione tv Servizio Pubblico di Michele Santoro con Marco Travaglio. Nato a Pistoia nel 1955, ha iniziato la sua attività nel 1977, fondando con Pino Zac «Il Male», rivista cult della satira italiana, che ha recentemente fatto risorgere con la complicità di Vincino. Ha lasciato il segno su molte testate, da Satyricon a Cuore, da Smemoranda a Boxer, dal Manifesto al Corriere della sera. Nel 2006 ha vinto il Premio di satira politica di Forte dei Marmi. Con le edizioni Piemme ha pubblicato, tra gli altri, Kualid che non riusciva a sognare (2007), che gli è valso il Premio Città di Cuneo, Il mago del vento (2008), La scatola dei calzini perduti (2009), con cui si è aggiudicato il Premio selezione Bancarella 2010, Farabutto (2010), Il respiro del cane (2011), Critica della ragion satirica (2013), Storia di una professoressa (2013) e Toscani innamorati (2014).

#La satira deve avere dei limiti
perché deve superarli continuamente